torna al men

 

 

Seong-Gyu Kang -

 

 

 

 


2001 22 luglio. Una spedizione internazionale composta dal francese Jean-Christophe Lafaille e l'italiano Hans Kammerlander raggiungono la vetta del K2 salendo per la via Cesen. - La Via Cesen una bella via. Veloce. Si arrampica. Ci sono pendii a 60. Fino a 6000 m. una tipica scalata di ghiaccio, molto pericolosa per le scariche di sassi. A 6500 m c' un'area di misto abbastanza complicata. Dei tratti rocciosi interrotti da pendii di neve che possono scaricare piccole valanghe e slavine. Bisogna passare dalla roccia alla neve ed molto pericoloso. Bisognava stare molto attenti. Non si capisce bene la consistenza della neve sopra le lastre di roccia. Superando senza difficolt il Collo di bottiglia: L incontrano 3 alpinisti coreani 2 spagnoli e 2 sherpa. I coreani usano l'ossigeno: Nonostante tutto superano gli spagnoli Carlo Pauner e Jos Antonio Garces, e i Sud-Coreani Young-Seok Park, Seong-Gyu Kang e Hee-Joon Oh, insieme agli sherpa Sherap Jangbu e Pasang Tsering. Avanzano lentamente nella neve alta e inconsistente. Alle 14,30 raggiungono la vetta per lo Sperone Abruzzi del K2.

Nei propositi di Hans Kammerlander, a questo punto, c' la discesa con gli sci dalla cima. Sci che Hans Kammerlander si portato in spalla dal 2 campo. E, non senza difficolt, la discesa con gli sci inizia davvero, e continua in mezzo alla nebbia per circa 400 m. A questo punto accade un fatto agghiacciante, di quelli che spesso succedono, proprio in discesa, su questa che considerata la pi bella ma anche la pi pericolosa tra le 14 montagne oltre gli ottomila metri. Uno dei coreani vola mentre discende il Collo di bottiglia, e Hans Kammerlander che se lo vede precipitare davanti non pu far nulla. Anzi pu decidere, come giustamente ha fatto, che poteva averne abbastanza e conclude l la prima discesa con gli sci dalla cima del K2, anche per rispetto della tragedia a cui aveva assistito. - Karakorum - Himalaya.

 

2001 22 luglio. Tre gruppi operano sul versante pakistano del K2. Il giorno della vetta uguale per tutti. I coreani (sedici membri) Young-Seok Park, Hee-Joon Oh e Seong-Gyu Kang accompagnati dagli sherpa Sherap Jangbu e Pasang Tsering, giungono in vetta per lo Sperone Abruzzi insieme a Carlo Pauner e Jos Antonio (Pepe) Garces (della spedizione spagnola, che comprende Javier Barra e Javier Perez). Per lo Sperone Sud-Sudest salgono invece, il francese Jean-Christophe Lafaille e l'italiano Hans Kammerlander (entrambi della spedizione internazionale di Peter Guggemos, che comprende anche il francese Christian Trommsdorff e il neozelandese David Jewel). Un altro coreano Young-Do Park, salito fino al Collo di Bottiglia, rinuncia e nella discesa precipita. Sherap Jangbu il secondo uomo ad aver salito due volte il K2. Infine Hans Kammerlander rinuncia a scendere con gli sci. Pure la spedizione ceca di Zdenek Hruby con Josef Simunek, Radek Jaros, Josef Moravek, Sona Vomackova, Ludek Ondrej, Petr Skrivanek e Lhakpa Dorjee sherpa tenta di salire lo Sperone Sud-Sudest, ma senza successo. - Karakorum - Himalaya.