torna al men

 

 

Radek Jaros

 

 

 

 


2001 22 luglio. Tre gruppi operano sul versante pakistano del K2. Il giorno della vetta uguale per tutti. I coreani (sedici membri) Young-Seok Park, Hee-Joon Oh e Seong-Gyu Kang accompagnati dagli sherpa Sherap Jangbu e Pasang Tsering, giungono in vetta per lo Sperone Abruzzi insieme a Carlo Pauner e Jos Antonio (Pepe) Garces (della spedizione spagnola, che comprende Javier Barra e Javier Perez). Per lo Sperone Sud-Sudest salgono invece, il francese Jean-Christophe Lafaille e l'italiano Hans Kammerlander (entrambi della spedizione internazionale di Peter Guggemos, che comprende anche il francese Christian Trommsdorff e il neozelandese David Jewel). Un altro coreano Young-Do Park, salito fino al Collo di Bottiglia, rinuncia e nella discesa precipita. Sherap Jangbu il secondo uomo ad aver salito due volte il K2. Infine Hans Kammerlander rinuncia a scendere con gli sci. Pure la spedizione ceca di Zdenek Hruby con Josef Simunek, Radek Jaros, Josef Moravek, Sona Vomackova, Ludek Ondrej, Petr Skrivanek e Lhakpa Dorjee sherpa tenta di salire lo Sperone Sud-Sudest, ma senza successo. - Karakorum - Himalaya.

 

2003 30 luglio. Il gruppo ceco di Radek Jaros, Petr Masek e Martin Minarik, reduce dalla salita del Broad Peak, si appoggia a fine luglio alla Kazakhstan/International 3-in-1 Expedition di Zhunusov Baglan. Questa comprende scalatori validissimi come Denis Urubko, Inaki Ochoa e Simone Moro. Ma anche loro, forse stanchi dai successi su Nanga Parbat e Broad Peak, non c niente da fare di raggiungere la vetta del K2. - Karakorum - Himalaya.