torna al men¨

 

 

Col du D˘me - 4240 m.

(Gruppo Bionnassay-Gouter)

(Massiccio del Monte Bianco)

 

 

Col du D˘me 4240 m. - Sella glaciale fra la Cresta delle Bosses del Monte Bianco e il D˘me du Goűter. Viene da sempre toccato dalle vie normali del Monte Bianco (poco sopra il colle si trova il Refuge Vallot) ma come valico, inteso quale passaggio fra il Glacier des Bossons e il Ghiacciaio del D˘me o viceversa, non Ŕ mai stato attraversato.

 

 

 

 


1784 - 17 settembre. Jean-Marie Couttet e Franšois Cuidet, salirono per la cresta Nord-Ovest o Cresta delle Bosses, dallĺAiguille du Goűter e giunsero fin poco oltre il Col du D˘me. - Gruppo Bionnassay-Gouter - Massiccio del Monte Bianco.

 

1786 - 8 giugno. Viene effettuato un altro tentativo per raggiungere la vetta del Monte Bianco dalla cordata composta da Joseph Carrier, Franšois Paccard, Jean-Michel Tournier e Jacques Balmat. Dal Bacino dei Bossons salirono da Nord per il dosso Nord del D˘me du Goűter fino al Col du D˘me. Pare anzi che una volta raggiunto il Col du D˘me, Jacques Balmat, si sia inoltrato, solo, sulla Cresta delle Bosses. Attardandosi nel ritorno, bivacca da solo sul ghiacciaio. Lĺassedio allĺalta cima del Monte Bianco si fa sempre pi¨ stretto, ormai i tempi sono maturi per la vittoria finale. - Gruppo Bionnassay-Gouter - Massiccio del Monte Bianco.

 

1874 - 21 luglio. Fredrick Morshead, realizza la 1░ solitaria dellĺodierna via normale o via delle Bosses per la vetta del Monte Bianco. Itinerario lungo, che percorre tutto il ramo superiore del Bacino dei Bossons fino al Grand Plateau, tocca il Col du D˘me e per la cresta Nord Ovest sale alla cima. - Per un centinaio d'anni (dal 1874) Ŕ stata la via pi¨ frequentata al Monte Bianco e ancora attualmente viene molto seguita, anche in primavera con gli sci. Percorso molto bello in ambiente glaciale grandioso, fantastico. Di solito si trova unĺevidente traccia nella neve e non vi sono difficoltÓ particolari. Su tutto il ghiacciaio si incontrano per˛ numerosi crepacci e ponti di neve che richiedono molta attenzione, soprattutto in discesa, con neve molle. Nel tratto centrale vi sono zone esposte alla caduta di ghiaccio dai seracchi del D˘me du Goűter. Dislivello1750 m, con sviluppo di circa 5 km. DifficoltÓ PD. - Gruppo Bionnassay-Gouter - Massiccio del Monte Bianco.

 

1932 - 29 gennaio. Il conte di Tocqueville con G. Orset e L. Chappeland, realizzano la 1░ invernale passando per la cresta Nord-Ovest o Cresta delle Bosses. Dal Refuge du Goűter 3817 m. si segue la cresta quasi orizzontale scavalcando la sommitÓ dellĺAiguille du Goűter 3863 m, poi si salgono pendii pi¨ ripidi verso l'ampia cupola del D˘me du Goűter 4304 m, cima che normalmente si aggira appena a sinistra (o a destra) in quanto si deve poi scendere alla larga sella del Col du D˘me 4240 m. Per pendio ripido si sale al pianoro presso il Refuge Vallot 4362 m. Si prosegue quindi lungo la cresta pi¨ ripida e stretta toccando le due sommitÓ nevose della Grande Bosse 4513 m. e della Petite Bosse 4547 m, si sfiorano le rocce dello Sperone della Tournette 4677 m. e lungo la cresta che diviene pi¨ aerea e sottile si arriva in vetta al Monte Bianco. - Gruppo Bionnassay-Gouter - Massiccio del Monte Bianco.

 

1932 - 11 agosto. Ernest Brun (guida) con Georges Franck, in discesa. Scesero dalla vetta del Monte Bianco seguendo la sottile cresta verso Ovest e Nordovest. A un breve pianoro si lascia a destra il Rifugio Vallot 4362 m, si scende alla larga sella del Col du D˘me 4240 m. e si risale per lieve pendio all'ampia cupola del D˘me du Goűter 4304 m. (Attenzione con scarsa visibilitÓ: le tracce pi¨ numerose portano di solito verso Nordovest, al Refuge du Goűter). Si riprende verso Sudovest la Cresta di Bionnassay, prima larga e poi stretta e aerea (cornici) fino alle poche rocce del Piton des Italiens 4003 m, dalle quali si dirama verso Sud un'altra ripida cresta in parte nevosa. Si segue questa cresta per breve tratto, quindi si scende a sinistra (Est, ripido) nella conca del Ghiacciaio del D˘me. Si scende lungo il ghiacciaio prima circa nel'mezzo, poi sulla destra (zone di crepacci). A un piccolo pianoro si trova a destra il passaggio che porta al Rifugio Gonella (non visibile dal ghiacciaio). - Bianco - Versante del Miage - Gruppo del Monte Bianco - Massiccio del Monte Bianco.